Trofeo Città Santa Margherita Ligure edizione numero 26. Una bella tradizione che si ripete. Passano i lustri e la partecipazione continua ad essere numerosa. A questo giro 35 scafi in mare su 39 iscritti. Non male. Tra l’altro un’ottima occasione per togliere la ruggine invernale in vista del Bombolino in programma nel prossimo week end lungo.

Sabato la partenza era prevista alle 13 e il puntuale Comitato di Regata formato, in rigoroso ordine alfabetico di cognome, da “Cucciolo” Armaleo, Lilia Cuneo, Tay De Negri e Olga Finollo, ha accolto i regatanti con il campo già piazzato. Via quindi con una prima  prova divertente con vento dal terzo quadrante oscillante sui  6 nodi che ha visto il Campione Italiano in carica Vittorio d’Albertas con Behemoth conquistare la vittoria in condizioni  non  ideali per lui, considerati peso e altezza. A seguire Federico Pilo  Pais, al secolo Pilo, con Blu Amnesia e Fabrizio Bavestrello con Margot, come dire coloro che poi emergeranno come i protagonisti dell’appuntamento. Cala il vento e già si pensa al rientro, ma il Comitato di Regata non desiste, tira su l’ancora della pilotina  e seguito dai mezzi assistenza, tre con vessillo del Circolo Velico e uno messo a disposizione dal Circolo Nautico Rapallo, raggiunge un’area un po’ fuori dalla punta del faro di Portofino per dare – sono  passate  le 15  – il via a una seconda prova. Peccato che il vento però cali e che nonostante la riduzione del percorso taglino l’arrivo entro il  tempo massimo  appena 12 barche. Vince Marcello De Gasperi,  che ritmicamente si impone con Irene seguito dall’inossidabile Titti Carmagnani  col suo Lillia  Toulì dalla livrea verde e bianca, coordinata con l’attrezzatura e spesso pure  l’abbigliamento, e da Pilo Pais determinato a  presidiare il podio.  Frustrazione dei troppi DNF ai quali l’arrivo sfugge, tra l’altro in un rimescolamento di posizioni considerate le quali, in fondo, meglio un sano DNF….  Fine del vento e dei giochi e tutti a terra a rendere omaggio alle magistrali trofie al pesto organizzate da Silvia e Anna nella sede del piccolo grande Circolo.  

Domenica mattina la partenza è alle 12, un’ora prima quindi. La puntualità  del Comitato di Regata e il vento sono in linea con quelli  della prova inaugurale con il bordo a terra mura a sinistra verso Portofino che è di fatto obbligato. Anche uno stocchetto verso il largo finisce, tranne in qualche caso coperto da incantesimo, per penalizzare di brutto. A complicare le cose c’è anche la corrente, un fiume da ponente che a tratti rende la boa di bolina un miraggio. Sembra che l’acchiappi, ma lei si ritrae vezzosa, complici anche i concorrenti che arrivano mura a sinistra e virano esattamente sulla tua prua. Sì è vero, è il gioco della regata, anche se si è amici, come illustra Aldo Samele di Canarino Feroce  frequentatore in Sud Africa di regate di stampo anglosassone,  ma  un po’ di irritazione comunque prevale sulla sportività, oltre a far giurare che al prossimo giro alla boa ci si va in spalla….Ma poi  al giro successivo l’ingordigia prevale e ricomincia il girone infernale. All’arrivo la vittoria è di Andrea Falciola, con il suo Riva vincente Absolutely Free, seguito dal costante Bavestrello e da Filippo Jannello con Cicci. Parte la seconda regata con meno vento, tanto che viene data la riduzione di un  percorso  che vede Pilo primo all’arrivo seguito dall’ineffabile Falciola. Eolo sembra esserne andato, con quattro prove è entrato lo scarto, ma  il copione della pilotina del Circolo che si lancia verso l’orizzonte alla ricerca del vento,  viene replicato. E il vento,  va detto, viene scovato, tanto da far disputare un’ultima bella prova in cui Pilo piazza il suo secondo e si assicura il  Trofeo Città Santa Margherita Ligure con 6 punti di distacco su Bavestrello, secondo, mentre il bronzo è di De Gasperi.

Alla premiazione, assente  giustificato il Presidente Gianni Castellaro, alla presenza dell’Assessore allo Sport Patrizia Marchesini, sempre vicina a chi fa e favorisce lo sport a  Santa, al Comandante del Porto Salvatore Amenta e al Luogotenente Marcello Mastore , nonché  al Presidente della Lega Navale Italiana, Sezione di Santa Margherita Ligure, Marco Mazzuchelli, vengono premiati con bei borsoni personalizzati, i primi cinque classificati ovvero Gin Gazzolo, Filippo Jannello, Marcello De Gasperi e Fabrizio Bavestrello. Federico Pilo Pais, si porta a casa il borsone rosso del primo assoluto,  quello blu  del primo master e il Trofeo Challenge. A Vincenzo Penagini il premio riservato al primo SuperMaster. Francesca Lodigiani, Co- Vicepresidente del Circolo insieme a Carlo Pizzarello, è  premiata come prima – e unica- Lady in gara.  Da segnalare la presenza  di alcuni timonieri nuovi, o in  rientro, nella Classe: come Gigio Bianchi, col suo splendido White, Lillia vetroresina/legno blu con linea  arancione al galleggiamento e opera viva bianca, o  Tomaso  Mansutti con Sugar, anche in questo caso elegante  Lillia vetroresina legno di un verde particolare, o Giovanni La Ferla approdato al dinghy dopo anni di altura.

Cala il sipario sul primo appuntamento della stagione 2024 del Circolo Velico Santa Margherita Ligure, i dinghy arrivati da fuori però restano nei luoghi loro riservati lungo la calata del porto perché venerdì, sabato e domenica c’è il Bombolino al quale gli iscritti già superano quota 70.

(Quelli del Tigullio)  

Classifiche sulla pagina della regata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *